Tè: coltivazione, lavorazione e preparazione

Il tè: dalla pianta alla tazza per la nostra salute

Il è un infuso di foglie essiccate di Camellia sinensis, pianta appartenente alla famiglia delle Theaceae.
La bevanda ha origini molto antiche, risalenti a quasi 4000 anni fa, ed è una delle più consumate nel mondo, in particolare in Asia, con un apporto procapite stimato di circa 0,12 L/d. Dato il suo elevato consumo, anche piccoli effetti sulla salute delle persone possono avere grandi effetti sulla salute pubblica.

Coltivazione della pianta del tè: Camellia sinensis

Piantagione di Tè
Fig. 1 – Piantagione di Tè

Camellia sinensis è una pianta sempre verde originaria del Sud, Est, e Sud-Est asiatico, che attualmente viene coltivata in almeno 30 paesi, principalmente con clima sub-tropicale o tropicale anche se ci sono varietà coltivate in Cornovaglia in Europa o allo stato di Washington negli USA.
In natura, se indisturbata, può crescere fino a 15-20 metri, mentre nelle piantagioni è tenuta, per facilitare la coltivazione e la raccolta delle foglie, ad un’altezza inferiore al metro e mezzo, quindi come un piccolo albero o cespuglio.
La sua coltivazione si può spingere anche in montagna, fino a 1500-2000 metri di altitudine; molti delle varietà più pregiate sono ottenute proprio da coltivazioni montane in quanto la pianta crescendo più lentamente acquisisce più aromi.
Attualmente le due varianti maggiormente coltivate sono:

  • Camellia sinensis var. sinensis, originaria della Cina;
  • Camellia sinensis var. assamica, originaria dell’India.

Lavorazione delle foglie del tè

Per la produzione di tutti i tipi di tè reperibili in commercio vengono utilizzate le foglie fresche di Camellia sinensis. Nella raccolta sono generalmente scelte quelle più giovani poiché le più vecchie sono considerate di qualità inferiore.
Ciò che differenzia i diversi tipi di tè, ad es. il tè verde, l’oolong e quello nero, è la lavorazione che subiscono foglie, lavorazione che darà luogo a differenti gradi di ossidazione delle sostanze presenti, in particolare delle catechine, un sottogruppo di flavonoidi e le principali responsabili degli effetti benefici del tè verde.
Le caratteristiche organolettiche della bevanda sono influenzate, oltre che dalla lavorazione delle foglie, anche dal cultivar, dalle caratteristiche del suolo dove è coltivata la pianta e dai metodi di coltivazione, dall’altitudine, dal clima e dal periodo dell’anno in cui avviene la raccolta delle foglie.

Come preparare un buon tè

  • Data la delicatezza del prodotto è bene conservare la confezione in un luogo fresco, asciutto e privo di profumi in grado di alterarne l’aroma.
  • Utilizzare acqua fresca e portarla ad una temperatura di 95-100°C per il tè nero, e di circa 90 °C per il tè verde.
  • Per non alterare il sapore della bevanda è bene utilizzare una teiera di ceramica o porcellana, evitando quelle di acciaio. Per il lavaggio della stessa evitare i detersivi preferendo acqua e bicarbonato.
  • Per prevenire brusche variazione di temperatura dell’acqua durante l’infusione, è consigliabile preriscaldare la teiera versandovi un po’ d’acqua molto calda. Di seguito svuotarla e aggiungere l’acqua per il filtri/foglie (circa 200-250 mL/filtro).
  • Quanti filtri/g di foglie utilizzare? In genere un filtro (da circa 1,5-2 g) per persona; con il tè sfuso, un cucchiaino per persona.
    Se lo si prepara per più persone aggiungere un filtro/cucchiaino in più rispetto al numero delle persone.
  • Il tempo di infusione non dovrebbe superare i 10 minuti per evitare lo sviluppo di sapori amari; per il tè nero dovrebbe essere di 3-4 minuti, per quello verde 2-3 minuti.
    Se si usa tè in filtri, è bene toglierli al termine del tempo di infusione.
    Circa il 30% della materia presente nelle foglie viene estratta nell’acqua.
Bibliografia
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on TumblrEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *